In rete sono spuntate le prime immagini di Google Fuchsia, che sarà il nuovo sistema operativo di Google basato sul kernel Magenta.

Per prima cosa è importante precisare che Fuchsia non è infatti basato su Linux come i già conosciuti sistemi Chrome OS e Android. Ancora non è chiaro se questo nuovo software sarà destinato solo a dispositivi mobili oppure anche all’Internet delle Cose e computer, ma da quello che mostrano le immagini trapelate il tutto ruoterebbe attorno alle schede.

L’interfaccia che potete vedere nel video qui sotto si chiama Armadillo, ed è stata sviluppata attraverso l’SDK Flutter. Sebbene la natura non sia ancora chiara, dalle immagini risulta evidente che lo stile grafico e le proporzioni siano quelle di una piattaforma per device come smartphone o tablet.

Siamo dunque di fronte al successore di Android? Forse sì, forse no. Potrebbe anche trattarsi – secondo alcune illazioni – di un anello di congiunzione fra Android e Chrome OS anche se il colosso di Mountian View non pare intenzionato ad unificare i due sistemi operativi. Non resta che attendere futuri aggiornamenti da parte della stessa Google, magari al prossimo I/O, evento organizzato da bigG e dedicato proprio agli sviluppatori in programma dal 17 al 19 maggio. Dunque le novità non dovrebbero tardare ad arrivare.