Google Foto è un’applicazione per la gestione delle foto molto apprezzata soprattutto dagli utenti Android. Tra le sue innumerevoli caratteristiche quella che permette di effettuare copie di backup sul cloud di tutti gli scatti effettuati attraverso il dispositivo e senza che gli utenti si preoccupino per lo spazio occupato. Questa funzionalità ha sempre incluso una precisa limitazione e cioè che funzionava solamente quando il dispositivo era connesso alla rete elettrica.

Un’opzione d’uso abbastanza comune ad altri servizi analoghi che si spiega con il motivo di non voler consumare eccessivamente la batteria dello smartphone durante le fasi di backup che sono molto energivore. A seguito di un aggiornamento, però, tale limitazione è stata eliminata. La rimozione di questa particolare opzione d’uso non è stata spiegata da Google ma il risultato è che gli utenti potranno effettuare il backup delle loro foto in ogni momento della giornata anche quando si trovano in mobilità.

Unico stratagemma per evitare che il backup possa partire sempre andando a consumare troppo la batteria del cellulare è quello di disattiva il backup quando lo smartphone non si trova sotto rete WiFi. In questo modo, quando si è in viaggio o in giro per lavoro, i backup non saranno mai avviati.

Ovviamente, collegandosi ad una rete WiFi l’utente deve ricordarsi che il backup delle foto potrà riattivarsi da solo automaticamente.