Google dedica il suo doodle odierno ad Alda Merini, la famosa poetessa e scrittrice italiana nata il 21 marzo del 1931 a Milano e scomparsa l’1 novembre 2009; oggi avrebbe compiuto  85 anni.

Una figura letteraria forte, eclettica e indimenticabile. Alda Giuseppina Merini era di umili origini: la sua famiglia era economicamente modesta. Il padre Nemo era un dipendente assicurativo mentre la mamma Emilia faceva la casalinga. La piccola Alda Merini, stando ai racconti autobiografici, era una bambina introversa e malinconica, incompresa dai genitori ma dagli ottimi risultati scolastici.

Paradossalmente – come spesso capita – fu proprio nella prova di italiano a non superare il test di ammissioni per il prestigioso Liceo Manzoni di Milano. A scovare il suo immenso talento fu il critico letterario Giacinto Spagnoletti, che pubblicò alcuni suoi testi e nel 1950 due sue poesie, “Il gobbo” e “Luce”, finirono nel libro Antologia della poesia italiana contemporanea 190-1949.

Alda Merini strinse amicizia con altri poeti, come Eugenio Montale e Salvatore Quasimodo, mentre nel 1953 si sposò con Ettore Carniti, proprietario di alcune panetterie milanesi. È nel 1962 che la poetessa milanese entrò in un periodo buio della sua vita: per quasi 10 anni visse lunghi periodi di ricoveri probabilmente a causa di un disturbo bipolare. Periodo che la poetessa mise nero su bianco nella raccolta di poesie “La Terra Santa”, ritenuto da molti critici e addetti ai lavori una delle opere principali della Merini.

Dopo la morte del marito, negli anni ’80 si trasferì a Taranto dove sposò Michele Perri, poeta ed ex medico che si prese cura di lei. Succcessivamente tornò a Milano e riprese intensamente la pubblicazione di poesie, arrivando a vincere il Premio Librex Montale per la Poesia nel 1992. Alla fine degli anni novanta Merini produsse centinaia di aforismi, raccolti nel 1999 nel libro Aforismi e magie.

Nel 2004 fu ricoverata per problemi di salute e la sua situazione economica era piuttosto grave, ma in molti – poeti, scrittori e appassionati – fecero un appello per aiutare economicamente la poetessa milanese. Il primo novembre del 2009 Alda Merini morì a causa di un tumore alle osa.