Google ha siglato una partnership con Sprint per diventare operatore telefonico virtuale negli USA. Le indiscrezioni, che circolavano nel web, sono state confermate dal Wall Street Journal, secondo cui l’entrata di BigG, nel mondo della telefonia, permetterà di aumentare la velocità di navigazione su internet, migliorare la copertura e diminuire i prezzi per gli utenti.

L’azienda di Mountain View ha siglato un importante accordo con l’operatore mobile Sprint, azienda che è stata acquisita da Softbank durante il 2013. Il motore di ricerca utilizzerà l’infrastruttura dell’operatore con l’obiettivo di offrire agli utenti finali l’accesso a internet.

In un mercato come quello degli Stati Uniti, in cui esistono 4 gestori principali come T-Mobile, Sprint, AT&T e Verizon, l’ingresso di Google permetterà di offrire migliori tariffe per l’accesso ad internet. Ovviamente BigG, non disponendo di infrastrutture per la rete mobile, ha dovuto siglare un accordo con Sprint per poter offrire un servizio di accesso alla rete, con costi e quantità di dati convenienti.

L’obiettivo finale di Google sembra essere quello di aumentare il numero di utenti che utilizzano i propri prodotti e, di conseguenza, aumentare il volume di visualizzazioni delle inserzioni pubblicitarie. Al momento, tuttavia, non vi sono informazioni riguardanti il prezzo pagato da Google per utilizzare l’infrastruttura di Spring e, allo stesso tempo, non sappiamo le potenziali offerte che potrebbero essere proposte sul suolo statunitense.

Infine, un’altra indiscrezione punta l’attenzione su un possibile accordo, da parte di Google, anche con T-Mobile. In questo modo, infatti, la copertura mobile sarà più estesa, da poter consentire agli utenti americani di accedere ovunque ai propri servizi. Non resta che aspettare i dettagli dei contratti che l’azienda di Mountain View ha siglato con Sprint e che offrirà ai consumatori.

Foto: Affiliate via photopin cc