Ormai la battaglia è totalmente portata in campo aperto, tra Microsoft e Google: è così che con Microsoft che ha introdotto la chiamata Skype all’interno di Outlook.com, come ci ha detto Federico Moretti, e il festeggiamento di 400 milioni di utenti unici da parte del servizio di Redmond, raccontato da Silvio Gulizia, Google si trova in difficoltà, e deve controbattere. Lo fa in due modi: permettendoci di gestire Google Calendar direttamente da GMail, e aggiungendo ad Hangout la possibilità di controllare il desktop dei nostri interlocutori.

È un notevole passo avanti per il servizio di Google: sino ad ora infatti era possibile solamente vedere il desktop o le finestre di chi ci permetteva di farlo, mentre in questo modo, previa autorizzazione ovviamente, potremo anche aiutare i nostri amici e i parenti a sistemare problemi con il computer, o far vedere loro procedimenti particolari. È la rovina, per chi ne ha fatto un business, come LogMeIn o TeamViewer, ovvero i due prodotti leader nel settore della tele-assistenza.

Un esempio in particolare? Ero a giocare a Dungeons & Dragons, e a dei miei amici serviva aggiornare Java per la nostra piattaforma di tiro dei dadi e movimento delle pedine. Nonostante la loro abilità di base altina, sarebbe stato sicuramente molto più veloce per me prendere il controllo del loro desktop e fare a modo mio, anziché dirgli come fare. E proprio in quel momento ho pensato che Hangout aveva bisogno di una funzionalità del genere. Non posso fare altro che dire: grazie Google.

Photo credits: CNET