Parlare di arte digitale sarebbe improprio, ma Google su Art Project sembra spingere non poco. In due anni Mountain View ha digitalizzato oltre 200 musei di più di 40 paesi di tutto il mondo, per un totale di opere che supera i 40.000 pezzi. Vediamo dunque la classifica delle opere digitali più cercate e ammirate, grazie anche allo strumento che permette di vedere i dettagli in alta risoluzione.

La Notte stellata di Van Gogh è stata in assoluto la più visitata e quella che il maggior numero di utenti ha incluso nella propria personal gallery (ne sono state create 360 mila), una delle funzioni più interessanti del sito.

Dopo Van Gogh, che in assoluto è l’artista più apprezzato, c’è l’italiano Botticelli con La nascita di Venere, mentre sul terzo gradino del podio troviamo un insospettabile Rembrandt con Autoritratto alla finestra. Ecco la classifica completa:

  • Van Gogh: Notte stellata
  • Botticelli: La nascita di Venere
  • Rembrandt: Autoritratto alla finestra
  • Van Gogh: Camera da letto
  • Manet: Conservatorio
  • Bruegel (il vecchio): I mietitori
  • Van Gogh: I girasoli
  • Holbein (il giovane): Gli ambasciatori
  • Van Gogh: Campo di fiori con veduta di Arles
  • Böcklin: L’isola della morte.

Tutto qui? Non direi. A due anni di distanza si possono trarre un paio di informazioni interessanti dai dati raccolti da Google Art Project. Innanzitutto, le opere d’arte “classiche” sono le più viste, ma c’è un crescente interesse per l’arte moderna e i suoi artisti, come Dali e Klimt, sono tra i più cercati. La gente sembra utilizzare Art Project soprattutto per esaminare i dettagli delle opere, tanto che il tempo medio trascorso davanti alla singola opera è triplo di quello speso in media al museo (un minuto contro 20 secondi).

Un altro motivo per cui usare Google Art Project è diventare tu stesso gallerista. Per paradossale che possa sembrare, gli utenti consultano molto più spesso le gallerie di altri utenti che non le pagine dedicate ai singoli artisti.

In occasione della Giornata mondiale dell’arte Google organizza oggi l’ultimo appuntamento con Art Talks, conversazioni in hangout (video-chat) tra appassionati ed esperti d’arte. L’hangout di oggi sarà in diretta dal Metropolitan Museum of Art di New York (alle 19) e approfondirà il tema della multimedialità nell’arte.

Nel frattempo, se siete appassionati di arte digitali date un occhio ai tutorial gratuiti di Fotolia.