Google decide di fare una bella cernita degli articoli pubblicati sulla rete per aiutare gli utenti a trovare informazioni utili, offrendo visibilità ai contenuti che gli editori creano.

Con migliaia di nuovi articoli pubblicati online ogni minuto di ogni giorno, infatti, la quantità di contenuti con cui si confrontano gli utenti può risultare eccessiva. E purtroppo, non tutti questi contenuti sono aderenti ai fatti o veri, rendendo così difficile per i lettori distinguere i fatti da ciò che è falso. Ecco perché ad ottobre, Google insieme ai partner di Jigsaw ha annunciato che in alcuni Paesi avrebbero iniziate a consentire agli editori di mostrare l’etichetta “Fact Check” in Google News. Questa etichetta consente di identificare in modo più immediato gli articoli di verifica dei fatti.

Dopo aver valutato i riscontri ricevuti da parte degli utenti e degli editori, l’etichetta Fact Check è stata attivata in Google News ovunque e verrà estesa al motore di ricerca, a livello globale e in tutte le lingue. Per la prima volta, quando viene effettuata una ricerca su Google che restituisce un risultato che contiene la verifica dei fatti di uno o più affermazioni pubbliche, questa informazione verrà chiaramente visualizzata nella pagina dei risultati di ricerca. Lo snippet mostrerà informazioni sulla dichiarazione verificata, da chi è stata fatta e se una fonte ha verificato quella particolare dichiarazione.

Queste informazioni non saranno disponibili per qualsiasi risultato e potrebbero esserci pagine di risultati di ricerca in cui diverse fonti hanno verificato la stessa affermazione raggiungendo però conclusioni diverse. Queste verifiche dei fatti non sono effettuate direttamente da Google, “tuttavia – si legge sul comunicato di Google – riteniamo che sia utile per le persone capire il grado di consenso attorno a un argomento e avere informazioni chiare su quali fonti concordano. Rendendo queste attività di fact checking più visibili nei risultati di ricerca, riteniamo che gli utenti possano esaminarle e valutarle con maggiore facilità per formarsi così opinioni e pareri informati”.