Google vede già da diversi trimestri la navigazione da dispositivi mobile essere uguale e addirittura superiore a quella effettuata da computer, perciò è evidente come il futuro sia proprio il settore mobile, e l’azienda di Mountain View ha recepito questo messaggio, come abbiamo già visto il mese scorso, lanciando un apposito progetto che possa velocizzare la navigazione dai dispositivi portatili quali smartphone e tablet, chiamato Accelerated Mobile Pages. Proprio la lentezza nel caricamento dei contenuti è uno degli elementi che portano gli internauti a preferire per esempio informarsi sui social network piuttosto che tramite ricerche su internet (nonostante anche per le app sia un problema il caricamento dei siti esterni, al punto che Facebook ha lanciato Instant Articles).

A questo proposito, Google Accelerated Mobile Pages avrà lo scopo di velocizzare l’accesso ai siti web ed il relativo caricamento delle pagine. Sino a poco tempo fa però non si aveva alcuna idea in merito alla distribuzione dello stesso software, mentre ora arrivano finalmente informazioni ufficiali in merito. Come riporta il sito statunitense Engadget, il progetto di Big G arriverà sui device mobili degli utenti a partire da inizio 2016, e anche un’altra informazione è stata rilasciata a proposito, la presenza degli annunci pubblicitari.

Insieme alla velocizzazione della navigazione AMP permetterà agli utenti di risparmiare il consumo di dati, insieme a cercare di limitare la diffusione dei software che bloccano gli annunci pubblicitari stessi, da cui derivano perdite economiche importanti per Google, che vede le proprie entrate arrivare in gran parte dallo stesso advertising. E’ stato annunciato quindi che il nuovo software permetterà di limitare situazioni in cui le pagine degli annunci sono più pesanti di quelle del contenuto da caricare vero e proprio. La data definitiva di inizio della distribuzione verrà annunciata nel prossimo futuro, ma saranno certamente necessari numerosi ed intensi test prima che Accelerated Mobile Pages possa essere reso pubblico.