Oggi Google festeggia con un Doodle il sedicesimo compleanno dalla propria fondazione: i 16 anni dell’azienda non corrispondono esattamente al 27 settembre, che è stato scelto da Big G soltanto nel 2005 come la data ufficiale per celebrare questo anniversario. Il motore di ricerca, infatti, nacque il 15 settembre del 1997 e la società fu fondata il 4 settembre del 1998. Tuttavia, sedici anni fa è stato raggiunto il primo record di pagine indicizzate e perciò a Mountain View preferiscono festeggiare la ricorrenza in questa data.

Lo sweet sixteen è un’occasione per distrarsi dai problemi che Google sta affrontando in Europa: Joaquín Almunia non è soddisfatto dell’impegno assunto dalla multinazionale sull’antitrust e chiede più riscontri di quelli ottenuti sul motore di ricerca per tutelare la concorrenza. Se ciò non bastasse Ruper Murdoch ha colto la palla al balzo per tornare alla carica sul presunto monopolio di Big G circa le notizie pubblicate sul web ai danni di News Corp. Non è proprio il periodo migliore per festeggiare con serenità l’avvenimento.

In attesa dell’uscita di Android L, un appuntamento più interessante del sedicesimo compleanno, Google tenta di gestire anche il diritto all’oblio con un Comitato consultivo [vedi gallery] ad hoc: il successo mondiale del motore di ricerca comporta inevitabilmente uno scontro con le istituzioni. Il Doodle fanciullesco che è apparso sulle edizioni internazionali è un modo d’esorcizzare questo periodo difficile, senza prendersi troppo sul serio, nonostante i 10 anni in borsa di Big G… che certo segnano un altro traguardo importante.

foto da comunicato stampa