Google potrebbe essere costretta a pagare $100 milioni in risarcimenti ai VIP cui sono state rubate le foto da iCloud: The Fappening, il furto che ha portato alla pubblicazione sul web delle immagini recuperate dagli iPhone delle vittime, non costerà nulla ad Apple. Secondo PageSix, che ha pubblicato la lettera inviata dall’avvocato delle celebrità hollywoodiane Marty Singer, Big G non avrebbe risposto prontamente alla diffusione delle fotografie — che a detta delle vittime sarebbero dovute sparire subito dal motore di ricerca.

Le celebrità statunitensi invocano il diritto all’oblio che Google è costretta a garantire in Europa, sebbene Big G non abbia alcuna responsabilità diretta nella diffusione delle foto che hanno scatenato le reazioni dei fan su Twitter [vedi gallery]. Il legale dei VIP sostiene che a Mountain View non abbiano fatto nulla perché quegli scatti fossero occultati, traendo profitti milionari dalla pubblicità apparsa tra i risultati del motore di ricerca e causando ingenti danni d’immagine alle vittime che sono dei personaggi pubblici.

Quanto imputato a Google dai VIP ricorda il caso del video dei bulli che aggredivano un ragazzo disabile, che in Italia ha portato alla condanna di tre dirigenti — assolti all’ultimo grado di giudizio. Big G dev’essere considerata responsabile anche dei collegamenti dal motore di ricerca alle piattaforme su cui sono apparse le foto, come 4chan? È probabile che la magistratura statunitense non accetti neppure d’avviare un processo, non sussistendo i presupposti per accordare a celebrità come Jennifer Lawrence alcun risarcimento.

Photo Credit: Rupert Ganzer via Photopin (CC)