Oggi, per la Giornata della Terra 2014, Google ha pubblicato un Doodle dedicato: una sequenza d’immagini che ritraggono un colibrì, uno stercorario, due macachi, una medusa e un pesce palla per ricordare l’importanza della salvaguardia del nostro pianeta. Apple, dalla sua, ha preferito proporre un video che dimostra l’impegno dell’azienda per uno sviluppo sostenibile. Che cos’è la Giornata della Terra e da quando esiste? È un’iniziativa che ricorre già dal 1970 e quest’anno è orientata alle Green City — ovvero, le città verdi.

Quale migliore occasione per concepire la tecnologia in un’ottica di decrescita felice di festeggiare la Giornata della Terra? L’impegno non deve limitarsi alle parole, perché dall’ecosistema terrestre dipende la qualità delle nostre vite: una Smart City può essere una Green City? Sì, senza rinunciare a nulla — come il concetto stesso di decrescita parrebbe erroneamente presupporre. Apple e Google sono impegnate da anni nella ricerca dell’impatto zero, come pure Microsoft, per rispettare l’ambiente nello sviluppo di nuove soluzioni.

Un esempio di come contribuire all’abbattimento del digital divide, evitando un disastroso impatto ambientale, è Project Loon: il progetto promosso da Google per portare ovunque la banda larga. L’iniziativa ha subito delle modifiche, avvicinandosi a quella di Internet.org (vedi gallery) voluta da Mark Zuckerberg, ma l’obiettivo è lo stesso. La Giornata della Terra 2014 dovrebbe sensibilizzare gli amministratori delle Smart City a tutelare i propri cittadini nel rispetto dell’ambiente, trasformando i centri urbani in Green City.

photo credit: Mysi via photopin cc