È un gioco classico quello di F.E.A.R. che giunto alla terza versione si propone di inglobare tutta la tecnica degli sparatutto che hanno saputo divertire e coinvolgere i gamer di tutto il mondo.

La prima versione, rilasciata alla fine del 2005, era rivoluzionaria per la proposta della visuale in prima persona. La grafica, eccezionalmente costruita per il periodo in questione, avrebbe fatto strada agli studi dei designer delle aziende produttrici di video giochi.

In pratica, in prima persona, il giocatore era chiamato ad affrontare ed uccidere i soldati dell’Armacham. In campo dovevano essere schierati sicuramente la precisione, ma prima ancora l’abilità tecnica e il pensiero strategico.

Molto interessante fu anche l’introduzione della funzione di “moviola”, chiamiamola così con un termine mutuato dalla cronaca calcistica.

In pratica i gamer possono rallentare il tempo e vedere i proiettili che gli arrivano addosso, oltre che seguire la traiettoria di quelli sparati.

La prima persona, accompagnata ad una trama piena di intoppi, rallentamenti, ostacoli ed imprevisti, contribuisce a rendere l’esperienza di gioco completa facendo sprofondare le persone in un’atmosfera horror unica per il suo genere.

Senza svelare troppi segreti sulla trama e le opportunità che il giocatore ha nell’affrontare i nemici, vi rimandiamo al sito ufficiale in italiano che contiene numerosi video per approfondire la tematica di FEAR 3 .