Il Samsung Galaxy S8 potrebbe ritardare di qualche settimana a causa dei guai del Galaxy Note 7. La triste storia del phablet Android della casa coreana è oramai nota alle cronache e passerà alla storia come il peggior prodotto di tutti i tempi della società. Un problema che costerà a Samsung più di 5 miliardi di dollari oltre a 20 miliardi di capitalizzazione bruciati. I problemi del Galaxy Note 7 potrebbero, però, causare grattacapi anche al futuro Galaxy S8 che dovrebbe debuttare a fine febbraio in occasione del Mobile World Congress 2017 di Barcellona.

Questo perchè Samsung non avrebbe ancora capito con certezza quale sia il problema che ha scatenato le esplosioni del Galaxy Note 7. In origine, la società aveva dato la colpa alle batterie della Samsung SDI Co. che presentavano un sospetto rigonfiamento. Tuttavia, anche cambiando produttore di batterie il problema è rimasto, segno che il guaio tecnico è da ricercarsi altrove. La casa coreana, dunque, non ha ancora ben chiare le problematiche del Galaxy Note 7 e questo starebbe comportando il ritardo nello sviluppo del Galaxy S8 che a questo punto potrebbe ritardare un po’.

Del resto, la casa coreana non può assolutamente più sbagliare ed il Galaxy S8 deve essere assolutamente perfetto e privo di ogni problematica. La ricerca di un migliore controllo di qualità potrebbe costare, dunque, un paio di settimane ma se sarà davvero così è sicuramente la migliore scelta per evitare il ripetersi di spiacevoli situazioni analoghe a quelle del Galaxy Note 7.

Oggi, del Galaxy S8 si sa che dovrebbe adottare una doppia fotocamera posteriore, forse il sensore per la scansione dell’iride ed un processore più potente.