Continuano le indiscrezioni sul Galaxy S8, il prossimo smartphone top di gamma Android che Samsung presenterà nei primi mesi del 2017. Gli ultimi rumors tornano a rivelare nuovi dettagli sul display di questo interessante dispositivo. Secondo le ultime notizie che arrivano dall’oriente, Samsung potrebbe aver deciso di adottare la tecnologia Y-OCTA utilizzata sui display del Galaxy Note 7. Tecnologia che permette di realizzare display più sottili e contestualmente di ridurre i costi di produzione. Trattasi di vantaggi che andrebbero sicuramente a giovare sul Galaxy S8. Un display più sottile significa poter realizzare uno smartphone molto più rastremato e la riduzione dei costi di produzione non può che far bene alle tasche degli utenti che non si vedranno aggiungere costi extra per l’utilizzo di tecnologie speciali di costruzione.

Inoltre, un display dal profilo più sottile dovrebbe consentire di poter inserire il lettore delle impronte digitali più facilmente senza compromettere le dimensioni complessive dello smartphone. Tuttavia, secondo la fonte coreana, la tecnologia Y-OCTA dovrebbe essere utilizzata da Samsung solamente per il display del modello più compatto, cioè quello con le dimensioni del display più piccole. Da tempo, infatti, si specula che il Galaxy S8 dovrebbe essere offerto in due varianti come l’attuale Galaxy S7 ma con diagonali ancora più grandi. Display di dimensioni maggiori che non inficerebbero le misure del dispositivo in maniera drastica in quanto Samsung avrebbe deciso di rendere edge to edge lo schermo.

Trattasi, comunque, sempre di speculazioni che come tali devono essere prese. La verità, ovviamente, si conoscerà solamente con la presentazione ufficiale del Galaxy S8 che dovrebbe essere prevista per la fine del mese di febbraio in concomitanza con il Mobile World Congress 2017 di Barcellona.