In rete è apparso un nuovo video che mostra il test di resistenza del Samsung Galaxy S7. Il video permette di comprendere l’effettiva resistenza dello smartphone top di gamma dell’azienda coreana, in particolare questo dispositivo viene sottoposto a torture di varie tipologie come graffi con punte di diversa durezza, fuoco e piegamento.

Per gli smartphone top di gamma è di fondamentale importanza avere un elevato livello di resistenza a graffi, urti e piegamenti. Anche il nuovo Samsung Galaxy S7 è stato sottoposto ad una serie di torture, che permettono di stabilire l’effettiva resistenza del nuovo smartphone.

All’interno del video su YouTube, realizzato da JerryRigEverything, il nuovo Galaxy S7 Edge viene torturato sfregando alcune punte, sempre più dure, sul vetro frontale del display. Questa prova ha permesso di comprendere che Galaxy S7 è uno smartphone che, difficilmente, si graffierà con chiavi, monete e altri oggetti in tasca.

Allo stesso tempo, anche il panello posteriore in vetro risulta essere particolarmente resistente. Per quanto riguarda il vetro della fotocamera, quello del Galaxy S7 protegge molto bene l’ottica, ma la protezione del doppio flash è facilmente suscettibile ai graffi. Un altro test che è possibile vedere nel video riguarda la prova della fiamma viva sul display, che lascia pixel completamente bianchi.

Infine, per concludere il test, vi è l’ormai classica prova di piegamento, alias ben test, in cui Galaxy S7 mostra il suo principale punto di forza. Lo chassis in alluminio si flette, ma non appena interrotta la forza ritorna alla forma originale. I danni dovuti dal piegamento non sono visibili, anche se vi è il rischio di non avere più uno smartphone impermiabile.

Di fatto, come è possibile vedere dal torture test in questione, il Galaxy S7 è uno smartphone di alta qualità, ben costruito e dotato di un’elevata solidità.