Per Samsung, il Galaxy Note 7 sicuramente sarà ricordato come uno dei momenti più cupi della sua storia. I problemi alla batteria che portano all’esplosione del terminale ed al conseguente mini incendio continuano a preoccupare chi fornisce i servizi di trasposto. Dopo il ban di alcune compagnie aeree, arriva, adesso, anche il divieto di uso nelle navi da crociera. Carnival, Costa Crociere, Cunard, Disney Cruise Line, fathom, Holland America Line, Princess Cruises, P&O Cruises, Royal Caribbean e Seabourn hanno, infatti, espressamente vietato l’utilizzo del phablet di Samsung all’interno delle loro navi.

I possessori di un Galaxy Note 7 di Samsung, dunque, o dovranno decidere di lasciarlo a casa, oppure dovranno portarsi con se un’altro smartphone durante la navigazione. La compagnia Carnival, addirittura, invita i possessori del phablet a proteggere il tasto di accensione affinché non possa accendersi accidentalmente.

Da capire come le compagnie di navigazione si comporteranno con i Galaxy Note 7 sostituiti e che dunque dovrebbero essere immuni dal problema della batteria. Il dato oggettivo è che ad oggi, le compagnie aeree e quelle di navigazione hanno deciso di non fidarsi per evitare, giustamente, inutili rischi di sicurezza. Tuttavia, in questo modo, il phablet coreano rischia di essere considerato a vita come un potenziale pericolo.

I prossimi mesi, dunque, saranno certamente cruciali per Samsung. Se la campagna di richiamo avrà successo e se i nuovi phablet dovessero davvero risultare esenti da problemi, è possibile che le compagnie di trasporto possano decidere di rimuovere il ban dai loro vettori.