Finalmente si potrà scoprire cosa effettivamente causava le esplosione dello sfortunato Galaxy Note 7 di Samsung. La casa coreana ha, ufficialmente, annunciato che il prossimo 23 gennaio svelerà i risultati dei test condotti per capire effettivamente quali problemi possedesse questo sfortunato phablet Android che è stato ritirato dal mercato a seguito delle molte esplosioni dovute, si diceva all’epoca, a causa di un problema della batteria.

Tutto il mondo sarà, ovviamente, presente ad ascoltare perché attorno ai problemi di questo prodotto ci sono state moltissime discussioni. Analisti di terze parti hanno, infatti, lanciato le più disparate teorie, da batterie difettose a un design troppo estremo del phablet che non permetteva alle batterie di “respirare” comprimendole e portandole all’esplosione.

Finalmente, dopo un lungo periodo servito ad approfondire le analisi, Samsung condividerà le reali problematiche di cui soffriva il Galaxy Note 7. Trattasi di un passaggio importante perché al di la della curiosità, la casa coreana sicuramente farà propria questa esperienza per migliorare i suoi prossimi prodotti per evitare che spiacevoli situazioni analoghe possano accadere nuovamente.

Per Samsung il primo banco di test sarà il Galaxy S8 che dovrebbe essere annunciato per fine marzo e su cui l’azienda punta molto per rilanciare la sua immagine offuscata dagli incidenti occorsi al Galaxy Note 7 che tecnicamente parlando, era però molto valido.