Permettere ad ogni persona e organizzazione nel mondo di ottenere di più nelle proprie vite grazie alla tecnologia. Questa è la missione della nuova Microsoft di Satya Nadella, per la prima volta in Italia questa mattina all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Una sala Santa Cecilia gremita di persone non ha ascoltato le note scritte su uno spartito, la musica è stata un’un’altra, quella della voce di Nadella.

Il keynote del CEO di Microsoft ha delineato con chiarezza la nuova mission dell’azienda di Redmond che ha subìto, proprio grazie a lui, una metamorfosi impensabile solo fino a qualche anno fa. Più aperta, pronta al dialogo con altri ecosistemi, Linux in primis, focalizzata su mobile e cloud first, pronta a cambiare la nostra vita di tutti i giorni reinventando la produttività e la collaborazione grazie a strumenti potenti come Continuum, la nuova tecnologia che consente di usare uno smartphone Lumia proprio come se fosse un vero e proprio PC.

nadella empower people

La nuova Microsoft però è molto attenta anche a far crescere l’imprenditoria locale, offrendo un supporto totale alle startup italiane. Con il progetto GrowITUP, presentato questa mattina da Carlo Purassanta, e ben spiegato da Nadella durante il su keynote, Microsoft intende dare una spinta senza precedenti ai giovani che vogliano sfruttare gli strumenti Microsoft per innovare in qualsiasi campo. Nadella, sul palco dell’Auditorium di Roma, ha focalizzato l’attenzione su tre team di giovani italiani che più di ogni altro rappresentano un esempio positivo della creatività che si può liberare grazie alla tecnologia Microsoft: BabyGoldrake, Melixa, HearthWatch.

BabyGoldrake è composta da un team di sedicenni che ha creato una soluzione che grazie ad un lettore di onde celebrali permette di azionare dei giocattoli o device comandabili da segnali elettrici. Questo permette anche a bambini con difficoltà motorie o affetti da gravi patologie di giocare liberamente.

Melixa invece è una startup trentina che ha deciso di rivoluzionare l’apicoltura sfruttando il cloud di Microsoft Azure. Grazie a Melixa gli apicoltori possono accedere a moltissimi dati sulle api e sulle loro condizioni di vita nell’arnia consentendone un miglior controllo e cura.

HeartWatch è una startup il cui obiettivo è fornire una app che consente di rilevare aritmie cardiache analizzando puntualmente il battito ed eventuali anomalie. L’app sfrutta Microsoft Band e i servizi cloud di Microsoft Azure.

A fine discorso di Nadella si capisce che qualcosa è davvero cambiato in Microsoft: apertura, supporto alle nuove generazioni, capacità di reinventarsi ed entrare in modo creativo nella vita di tutti migliorandola, una filosofia vera e propria che sta consentendo a Redmond di affrontare di slancio il presente e che le permetterà di dare filo da torcere ai competitor.