Il 2016 segnerà un doppio anniversario per Fujifilm: 50 anni di presenza in Europa e cinque dall’introduzione dell’acclamata serie di mirrorless X, con i festeggiamenti inaugurati da un articolato evento, gratuito e aperto al pubblico, a Milano dal 31 marzo all’8 aprile.

Presso la Fondazione Luciana Matalon, gli appassionati potranno immergersi nella narrazione fotografica in tutte le sue sfaccettature: dalla mostra ai seminari “touch & try” con i più recenti prodotti Fujifilm della serie X.

Il brand nipponico è consapevole che non basta produrre efficaci e prestanti strumenti per “catturare la luce”, ma che serva anche sostenere la cultura fotografica, creando spazi e momenti per rendere il dovuto omaggio alle immagini, ai loro autori e a tutti gli appassionati.

Nasce così l’iniziativa X Photographer Days, una vera e propria finestra sul mondo della fotografia, in scena dal 31 marzo sino all’8 aprile a Milano, in Foro Buonaparte (per maggiori informazioni: blog.fujifilm.it).

X Photographer Days

L’evento punta a soddisfare le molteplici sfumature e sensibilità del pubblico con un programma variegato. In primo piano troviamo ovviamente gli incontri e le letture portfolio con i professionisti che fanno parte del gruppo X-Photographers, supportati direttamente da Fujifilm.

Alcuni sono gli autori degli scatti esposti negli spazi della Fondazione Luciana Matalon, avendo realizzato interessanti progetti e splendide immagini con le fotocamere della serie X. Parliamo di Massimiliano Angeloni, Luca Bracali, Fabio Camandona, Angelo Cirrincione, Gianluca Colla, Max De Martino, Angelo Ferrillo, Gabriele Lopez, Filippo Mutani, Simone Raso, Riccardo Spatolisano, Stefano Unterthiner, e Marco Urso.

Gli autori in mostra saranno anche i relatori degli incontri programmati durante la manifestazione, a questi si aggiungono i fotografi professionisti Donato Chirulli, Maurizio Faraboni e Marco Tortato.

Slums Dunk

Il ruolo di protagonista, oltre a essere stato il cuore della presentazione dell’iniziativa Fujifilm, è la serie Slums Dunk, un vero e proprio racconto per immagini realizzato da Simone Raso con attrezzature X-T1, XE2 e X100T. Ha “narrato” il progetto benefico per l’Africa nato nel 2011 dall’idea di Bruno Cerella, giocatore di basket italo-argentino dell’EA7 Olympia Milano, sviluppato con il supporto di un altro cestista, Tommaso Marino del Blu Basket Treviglio.

Negli emozionanti ed evocativi scatti esposti – effettuati nel 2014 quando sono stati terminati il primo campo di basket e la prima Basketball Academy a Mathare Nairobi, in Kenya – abbiamo potuto notare quanto sono capaci le fotocamere della serie X in ambito di street photography e foto reportage.

Hanno trasportato l’atmosfera vissuta sul campo dai protagonisti di questa iniziativa benefica in immagini fedeli e naturali, ma soprattutto “vive” e capaci di creare empatia nell’osservatore. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.slumsdunk.org.

Lineup completa

Ovviamente, non è mancata – come non mancherà ai visitatori della mostra – la possibilità di soddisfare le curiosità tecniche della serie X di Fujifilm, grazie alla ricca postazione Touch & Try, con tutta la serie X esposta, obiettivi compresi.

Parliamo delle principali novità del primo semestre 2016, con l’ammiraglia X-Pro2 dalle prestazioni elevate, la X-E2S dall’eccellente equilibrio tra design, qualità e facilità d’utilizzo, la piccola e innovativa X70, la robusta e leggera compatta per lo sport FinePix XP90, e il primo super tele XF100-400 f:4,5-5,6 della gamma Fujinon a dominare la scena tra la sempre più ricca serie di ottiche compatibili.