Foursquare non sarà più quella di una volta, dopo il rilascio di Swarm: è la nuova app per i check-in che compete direttamente con Nearby Friends — la nuova funzione di Facebook che aiuta a trovare gli amici nelle vicinanze con iPhone e Android. L’applicazione cui sono abituati gli utenti avrà un nuovo significato, puntando più sulla scoperta dei luoghi e soprattutto degli esercizi commerciali. Basta coi badge e la gamification, dunque, perché il business non è sostenibile. Ha davvero un senso continuare a usare la piattaforma?

Secondo me, no e lo dico da Super User di Foursquare. Come me, altri hanno subito manifestato un certo scetticismo per Swarm – che non è ancora disponibile – e un generale malcontento nei confronti della startup. Non è una questione di volontariato, perché contribuire gratuitamente al database della app è stata per tutti una scelta consapevole: il gioco sarebbe potuto finire da un momento all’altro, però questa politica non ha né capo né coda. Come convincere gli utenti a non passare su Nearby Friends che è integrata a Facebook?

Ricapitolando, gli utenti dell’applicazione saranno costretti a scaricare Foursquare per scoprire i luoghi nei dintorni e Swarm per effettuare i check-in. Due app al posto di una, mentre Nearby Friends non è separata da Facebook per iPhone e Android: chi mai sprecherebbe tante energie? Perché gli esercenti dovrebbero offrire degli sconti su Foursquare, potendosi promuovere sul social network di Mark Zuckerberg o con Places for Business di Google? Io temo fortemente che Swarm possa fallire ancora prima d’essere resa disponibile.

photo credit: dpstyles™ via photopin cc