Foursquare ha annunciato dei cambiamenti che subirà la app con l’uscita di Swarm, attesa per la prossima settimana su iTunes e Play Store: niente più mayorship – o, almeno, non come le abbiamo conosciute – che saranno “congelate” fino a nuovo ordine. Quanto ai badge, resteranno visibili quelli già conquistati in una sorta di hall of fame bloccata sul proprio profilo… ma non è detto che siano disponibili sulla nuova applicazione. Al loro posto degli sticker, che gli utenti potranno assegnarsi da sé, per ogni check-in effettuato.

Non tutto il male viene per nuocere, dal punto di vista delle funzionalità, perché le nuove mayorship di Swarm saranno fra i contatti: conquistare i luoghi sarà molto più semplice. Il punteggio assegnato ai check-in subirà delle modifiche che non sono state spiegate granché bene, ma seguiranno un meccanismo arbitrario sulla base delle proprie abitudini. I badge avranno dei successori «spirituali» – secondo il comunicato – che, però, arriveranno soltanto in estate e per Foursquare. Tante idee e molto confuse, con queste premesse.

Insomma, l’unica certezza è che Foursquare non ha saputo monetizzare e deve correre ai ripari. Instagram l’ha già sostituito con Facebook Places e il social network di Zuckerberg ha introdotto Nearby Friends [vedi gallery] per completare un’infrastruttura molto più credibile: Swarm sarà una app inutile e non offrirà un valore aggiunto alla gamification. Foursquare ambisce a diventare come Yelp? Il guaio è che Yelp esiste, anche in Italia, e assolve meglio quella funzione! Con sommo rammarico, ma ho disinstallato l’applicazione.

photo credit: dpstyles™ via photopin cc