Postare foto su Twitter: non la cosa più consueta che viene fatta sui social, visto che la creatura dei “cinguettii” non è uno spazio che nasce con l’obiettivo di essere incentrato sulle immagini. Eppure, di foto su Twitter se ne vedono eccome. E abbiamo visto come le strategie dei grandi social non sempre siano comprensibili.

Ma tant’è. C’è chi, come Dan Zarrella, si è divertito a confrontare le modalità di immissione delle foto su Twitter, prendendo in esame le quattro “vie” più frequenti.

Più precisamente, parliamo del fbcdn-sphotos di Facebbok, Instagram, Twitpic e in ultimo il servizio di caricamento dello stesso Twitter pic.Twitter.com. Ebbene, i risultati sorprendono, ma fino a un certo punto. Se utilizzando le prime tre modalità spesso vengono fuori foto tagliate alla bene e meglio (come evitare sgradevoli sorprese lo abbiamo già spiegato), c’è la particolarità che le immagini postate con pic.Twitter.com hanno probabilità doppie di essere ritwittate, a prescindere dal loro spessore.

Insomma, capire qual è la mossa vincente per avere successo con le foto sui social è opera complicata, e ve ne abbiamo dato più volte prova. Di certo Twitter, tira l’acqua al suo mulino. E al suo servizio, soprattutto.