Se come me avete passato l’infanzia e l’adolescenza con un vecchio PC e spesso senza internet, conoscerete sicuramente l’argomento. Parliamo di Football Manager, serie di videogiochi manageriali sul calcio, nata nel 2004 dopo la rottura tra Eidos e Sports Interactive, oggi prodotto insieme a Sega.

Il gioco porta dentro l’esperienza degli allenatori di calcio, con tutte le problematiche ed i particolari che ne conseguono. Ingaggi, acquisti, cessioni, allenamenti, discorsi alla squadra, eccetera eccetera. Un mondo davvero sterminato, che una volta scoperto è difficile da abbandonare. Tra i mille problemi ed attività, soprattutto inizialmente, c’è un grosso problema, il budget.

Ad inizio gioco, infatti, iniziando magari da una piccola squadra, non avremo molti fondi a disposizione per creare un team subito vincente, ma dovranno essere le nostre capacità manageriali a farci andare avanti e portare il team a scalare le classifiche. Non tutti però hanno voglia di aspettare il normale corso delle cose, perciò le cose sono due: o si sceglie una squadra già grande con budget pressoché illimitato (Real Madrid, PSG, e simili), o si aggira il problema. Come? Allenando due o più squadre.

E’ il più vecchio e banale dei trucchi, e io personalmente non lo uso, altrimenti perderei tutto il divertimento, ma funziona. Non ci vuole nessun trucco o codice, è sufficiente, dopo aver iniziato la carriera con una squadra piccola che punta alla salvezza, aggiungere un altro allenatore dal menù FM, e fargli allenare una squadra con un enorme budget. Così si potranno far partire dalla nostra squadra calciatori 18enni che non valgono nulla a prezzi esorbitanti, prosciugando il budget della seconda squadra. Questo processo è pressoché illimitato, perché prosciugato un “pozzo” si può passare ad un altro, e così via.

Sconsiglio vivamente di utilizzare questo metodo, e per contro invito i giocatori a godersi i lunghi cammini con Football Manager, che portano risultati, nervosismo a palate, ma alla fine grandi soddisfazioni.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter

photo credit: manuel | MC via photopin cc