Mozilla comincerà a distribuire Firefox per la nuova interfaccia di Windows 8 – che, inizialmente, era stata definita come Metro – soltanto da dicembre, ma gli utenti possono provare subito le nuove funzionalità del browser installando la versione Nightly in lingua inglese. È il canale d’aggiornamento più sperimentale che, di conseguenza, potrebbe presentare bug o altri problemi: tutto sommato, per essere ancora instabile è piuttosto completo. Io l’ho sostituito a Internet Explorer 10 come scelta predefinita, anche sul desktop.

Perché la prova funzioni, occorre forzatamente impostare Firefox come il browser predefinito: in fase d’installazione, suggerisco di non modificare le opzioni – perché deve apparire tra le app della pagina iniziale, quelle accessibili col re-introdotto tasto Start con Windows 8.1. La procedura non è diversa da quella della versione stabile, quindi non comporta delle particolari difficoltà (a eccezione dell’inglese). Firefox Nightly su Metro, però, non include la personalizzazione delle opzioni che rimane accessibile dal desktop.

L’interfaccia del browser è pressoché identica a quella delle varianti per tablet o smartphone su Android, perciò chi avesse familiarità col sistema operativo di Google non troverà enormi differenze. Nuovamente, un grosso problema deriva da RT: escludo che Mozilla possa distribuire Firefox sul Windows Store e – benché Metro sia la grafica dedicata al multi-touch – gli utenti di Surface RT o equivalenti non potranno mai installarlo. Peccato, perché Gecko è superiore a Trident e l’aggiornamento a IE11 sarà disponibile in ottobre.