Come ha descritto Alessio Biancalana, ZTE s’appresta a commercializzare uno smartphone con Firefox OS: non è l’unico e in Europa potrebbe avere una diffusione più limitata del modello prodotto da Alcatel. L’azienda francese ha presentato una variante di One Touch, il Fire, che installerà il sistema operativo di Mozilla. Lo stesso marchio è distribuito sulla Penisola con Android e penso che Telecom Italia potrebbe optare per quest’ultimo, anziché per lo smartphone cinese. Le caratteristiche del device sono leggermente superiori.

One Touch Fire sarà disponibile in tre colorazioni (Mozilla Orange, Apple Green e Pure White): il processore opera a 1GHz, contro gli 800Mhz di ZTE Open, ma la RAM e lo spazio su disco sono equivalenti — rispettivamente, da 256Mb e 512Mb. Identiche la risoluzione da 480×320 e la superficie da 3.5”. Il modello di Alcatel propone uno slot d’espansione per Micro-SD fino a 32Gb, particolarmente utile… perché la memoria integrata utilizzabile dall’utente è d’appena 160Mb. È modesta, in compenso, la fotocamera posteriore da 3.2Mpixel.

Anticipato in febbraio, One Touch Fire dovrebbe essere acquistabile già nel corso del mese: il prezzo, ahimè, non parrebbe essere contenuto quanto quello di ZTE Open. Non ho trovato dei riscontri oggettivi, ma le indiscrezioni sostengono che costerà più del doppio. È uno smartphone appetibile? Se volete provare Firefox OS, sicuramente. Non sostituirei mai il Nexus 4, però – ammesso che non arrivi davvero a costare 200€ – potrei acquistarlo per lo sviluppo, pensando che i device di Geeksphone sono andati esauriti da molto tempo.