Firefox 26 – che, tra gli altri aggiornamenti, porterà con sé il nuovo design di Australis – uscirà a dicembre con uno strumento dedicato allo sviluppo delle applicazioni web per Firefox OS 1.2 o superiore: Firefox OS App Manager sostituisce l’attuale console associata all’emulatore, introducendo delle funzionalità dedicate al debugging che semplificano il lavoro degli sviluppatori. Un esempio? La nuova interfaccia permette d’avviare o arrestare le app e i processi di sistema, oltre a quelle espressamente installate sui device.

Supponiamo che utilizziate il simulatore per testare una app da pubblicare su Firefox Marketplace: oggi gli strumenti per lo sviluppo delle applicazioni hanno un’interfaccia separata da quelli dedicati ai siti web. Firefox OS App Manager, invece, utilizzerà gli stessi strumenti a disposizione degli sviluppatori per ispezionare i sorgenti delle pagine e aggiungerà nuove feature a Firefox OS Simulator — come la possibilità di “catturare” degli screenshot oppure verificare il livello dei permessi necessari all’esecuzione delle app.

La nuova dashboard supporta sia le applicazioni installate da un pacchetto, sia quelle accessibili via web da un server remoto: ho sempre preferito gli strumenti di sviluppo proposti da Mozilla a quelli di Google e il nuovo Firefox OS App Manager potrebbe convincermi ad accelerare la creazione di web app – oltre ai soliti siti – da importare pure su iOS e Android, semplicemente cambiandone il manifesto. Sono sempre più convinto del futuro delle applicazioni in HTML, CSS e JavaScript che Firefox OS sostituisce a quelle “native”.