Aggiornamento: YTS ha ripreso lo sviluppo del programma e ha reso disponibile Popcorn Time per Windows, Mac OS X e Linux su GitHub.

Ha avuto vita breve Popcorn Time, il programma per vedere film online gratis in streaming via BitTorrent con Windows 7 o superiore. Gli sviluppatori argentini hanno capito a quali rischi sarebbero andati incontro – memori dell’esperienza dei creatori di The Pirate Bay – e ritirato subito la propria app. La paura d’incorrere in interminabili processi con le major di Hollywood ha avuto la meglio, nonostante il progetto in sé sia del tutto legale. Una sfida che i programmatori pensano d’aver vinto a prescindere dal rapido epilogo.

Ha ancora senso sviluppare piattaforme, basate o meno su BitTorrent, per vedere film gratis in streaming? Non se l’obiettivo è evitare le royalty: VEVO, ad esempio, aprirà un SDK (Software Development Kit) per permettere ai programmatori d’ideare delle app che pubblichino i video musicali sul popolare servizio – tanto attraverso YouTube, quanto su VEVO TV. Un ecosistema interessante che, insieme a infrastrutture come Hulu e Netflix, può portare a un significativo abbassamento dei prezzi e perché no alla gratuità con la pubblicità.

Spotify e i servizi equivalenti contribuiscono quotidianamente a “uccidere” la pirateria musicale: nel nostro Paese, le piattaforme che permettono di guardare film e serie televisive in streaming a pagamento non sono ancora diffuse come all’estero – ma Google ha già aperto Play Movies in Italia (pur con una scarsa scelta in catalogo) e si parla da tempo dell’imminente arrivo di Netflix. Non so quanto quest’ultimo sia davvero imminente, considerato che lo sento dire da mesi, però ho fiducia che questa sia la strada più giusta.