FIFA 16 non avrà le licenze UEFA nemmeno quest’anno. La stagione 2015-2016 sembrava dovesse essere quella buona, quella in cui, dopo tanti anni di assenza, la Champions League e l’Europa League sarebbero tornate a disposizione dei giocatori. E invece non sarà così né per quest’anno né per i prossimi due. Dopo un periodo di suspense a inizio estate in cui si sono susseguite indiscrezioni e smentite, è arrivato l’annuncio ufficiale di Konami che affermava di aver acquisito i diritti in esclusiva delle licenze UEFA per PES 2016.

Anche quest’anno, dunque, gli utenti di FIFA 16 dovranno accontentarsi di giocare alla Champions Cup e all’Euroleague. La EA Sports non è infatti riuscita ad acquisire i diritti per i loghi, la colonna sonora e il format delle competizioni ufficiali. L’ultimo salto di qualità che mancava al brand FIFA per assestare il colpo di grazia nella battaglia dei videogiochi sportivi non ci sarà.

Le licenze di FIFA 16

Per compensare l’assenza delle licenze UEFA, gli utenti che sceglieranno di acquistare FIFA 16 avranno a disposizione il roster più ampio sul mercato. Il numero esatto di campionati disponibili non si conosce perché la EA non lo ha ancora comunicato ufficialmente. Si sa però per certo che in FIFA 16 saranno confermati gli stessi campionati e i calciatori presenti in FIFA 15. Sicuramente ci sarà la Bundesliga in esclusiva. Lo scorso anno FIFA 15 disponeva di oltre 600 squadre di 35 campionati per un totale di oltre 16 mila calciatori, quest’anno si partirà da questa base e probabilmente ne saranno aggiunti degli altri.

La novità principale di FIFA 16 è rappresentata dal calcio femminile con le 12 nazionali più forti al mondo, tutte con maglie e nomi ufficiali, tra le quali compare anche l’Italia.

Anche per quanto riguarda gli stadi, FIFA 16 batte i diretti concorrenti grazie ai diritti su 78 impianti. L’Italia sarà rappresentata dallo Juventus Stadium, dallo Stadio Meazza/San Siro di Milano e dallo Stadio Olimpico di Roma.