Electronic Arts e Lega Serie A hanno annunciato l’accordo di collaborazione che inserirà ufficialmente la Serie A all’interno della nuova edizione del titolo di EA SPORTS. Le 20 squadre della massima serie del campionato, già presenti nel gioco con riproduzioni autentiche e fedelmente rappresentate in ogni dettaglio, saranno rese ancora più ufficiali dalla presenza della Serie A TIM, che entra a pieno titolo a far parte del videogioco con l’implementazione di loghi e tornei ufficiali, introduzioni animate, il trofeo del campionato fedelmente riprodotto e kit aggiornati in ogni dettaglio.

La Serie A TIM è uno dei più importanti e seguiti campionati calcistici del mondo. Fondata nel 1898, a girone unico dalla stagione 1929-1930, si prepara a compiere 85 anni: “Essere al fianco di un partner di fama internazionale come EA SPORTS certifica e consolida la forza del nostro calcio – ha commentato il Presidente della Lega Serie A, Maurizio Beretta. – FIFA 15 ci consentirà di affermare il nostro brand nel settore dei giochi elettronici a livello mondiale e darà agli appassionati la possibilità di divertirsi con un’esperienza unica, scendendo in campo nel campionato per provare a conquistare la Coppa di Campione d’Italia”. Nel nuovo titolo di EA SPORTS, quest’anno in arrivo con il commento in-game completamente rinnovato e firmato dalla coppia Pierluigi Pardo e Stefano Nava, il calcio prenderà vita nei minimi dettagli per provare l’emozione dello sport come mai prima d’ora. Per la prima volta, tutti i 22 giocatori in campo saranno connessi grazie all’intelligenza emozionale, che farà sì che reagiscano ad avversari e compagni in base al contesto e all’andamento della partita.

Le atmosfere da stadio saranno più dinamiche e coinvolgenti grazie a comportamenti specifici per regione, il pubblico si distinguerà con canti e cori unici, basati su paese, campionato, squadra o continente di provenienza. I modelli e volti dei giocatori saranno più realistici grazie al nuovo sistema di rendering e illuminazione basato sulla fisica, sul campo da gioco saranno visibili i segni dei tacchetti e delle scivolate e anche l’erba si consumerà progressivamente, proprio come nella realtà. Il dribbling in corsa permetterà ai giocatori di mantenere il controllo della palla anche in spazi stretti e durante gli scatti e togliere il possesso palla all’avversario sarà più soddisfacente e “fisico” che mai come le rotazioni e i movimenti più precisi del pallone.