Oggi è domenica e a qualcuno probabilmente la vista di bottiglie di superalcolici potrebbe provocare qualche strana sensazione ma voglio parlarvi di The Inebriator. Una geniale invenzione di Ian CoopeJake Osborne, che tramite Arduino sono riusciti a creare una vera e propria macchina per i cocktail. Il progetto seppur amatoriale funziona piuttosto bene. Il tutto è gestito da una console che permette di muovere la base sulla quale viene posto il bicchiere e selezionare quale alcolico e in quale quantità versarlo.

In pochi secondi è quindi possibile avere un cocktail pressoché pronto: anche la base lampeggerà di blu a missione compiuta. Inebriator però non è perfetto, permette di realizzare solamente alcuni cocktail raccolti una lista presente sul blog del progetto. La console ha principalmente lo scopo di contenere la lista degli ingredienti dei cocktail, per far si che questo avvenga, nella console è stato inserito uno slot SD per contenere i file in formato XML. L’invenzione dei due appassionati sarebbe veramente interessante, peccato che il progetto integrale non sia disponibile al pubblico c’è solo una pagina sui tecnicismi sul blog del progetto ma è molto limitata.

Gli inventori inoltre stanno pensando di fornire la possibilità oltre che di pubblicare il progetto integrale, di utilizzare un tablet Android al posto della console. L’interfaccia grafica e le varie funzioni sono in fase di porting su Android e il progetto potrebbe così ampliarsi e diventare sempre più interessante. Arduino è sicuramente una delle tecnologie open source più interessanti del momento di cui abbiamo parlato a più riprese, Federico Moretti a Natale ci ha raccontato dell’albero di Natale di Lonate  ma anche come è stato possibile scrivere con delle lattine di birra grazie ad Arduino e Raspberry PI. A molti barman potrebbe non piacere, a noi piace e non poco.

photo by: The Inebriator