A breve Facebook potrebbe annunciare un nuovo strumento di pubblicità: i video nella timeline. Diversi utenti negli Stati Uniti ne aveva annunciato l’epifania nelle scorse settimane, raccontando di video che partivano in automatico, come su Instagram, per intenderci. La news è stata riportata da Wall Street Journal poche ore fa e la cosa che più mi ha colpito è il prezzo: 2 milioni di dollari per mostrare il proprio video a tutta la platea di Facebook, vale al dire oltre 1,3 miliardi di persone.

Quale TV sarebbe in grado di offrire una cosa del genere ai propri inserzionisti? Se fino a oggi nel comparto pubblicitario la TV era stata più o meno l’unico mezzo a resistere alla crisi – fatto salvo Internet, il cui comparto continua a crescere, seppur di poco – Zuck potrebbe presto colpire al cuore il mercato pubblicitario legato al piccolo schermo.

La fuga dei giovani e lo sbarco dei genitori su Facebook, se da un lato hanno fatto temere la fine del social, dall’altro sono i migliori indicatori del passaggio delle vecchie generazioni da un mezzo all’altro. Per quanto più smart, anche noi presto saremo dei vecchi rincitrulliti: i figli dei nostri figli probabilmente ci guarderanno con disprezzo passare il nostro tempo davanti a Facebook in futuro.

Il fatto è che lo faremo guardando Facebook in TV. Sulle nostre smart TV. Ed ecco quindi che l’investimento che sta facendo oggi Zuck è un investimento sul futuro, oltre che sul presente. Scrollando infatti la timeline di Facebook sui nostri device presto vedremo i video pubblicitari partire da soli. Come la TV è stata un flusso di comunicazione pensato per intrattenerci fra uno spot e l’altro, allo stesso modo si sta evolvendo Facebook, il cui obiettivo è offrirci in pasto agli inserizionisti mentre ci facciamo gli affari nostri (o degli altri) davanti alla TV. Cioè, sulla timeline di Facebook volevo dire, scusate.

Ben diverso è invece l’approccio di Google, che per quanto riguarda la pubblicità ha deciso di piazzarla fuori da Google+.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+