Domani, domenica 25 maggio, in Italia saranno aperte le urne per le Elezioni Europee 2014 e Facebook introdurrà il tasto “Sono un elettore” perché gli utenti possano dire d’aver votato. Un’iniziativa già rodata negli Stati Uniti e proposta ultimamente in India, dov’è stato usato da quattro milioni di elettori. Non sarà possibile dichiarare l’intenzione di voto, ma soltanto la partecipazione: non saremo costretti a rivelare indicazioni sulla lista, il partito o la preferenza sul candidato scelto e sono escluse le amministrative.

Potrebbe essere l’occasione giusta per recuperare la password di Facebook [vedi gallery] oppure per sfruttare un altro tasto proposto dai social network, che è il “Mute” di Twitter: quest’anno i candidati hanno investito molto nella propaganda sul web – più di quanto abbiano fatto in passato – e alcuni spot elettorali sono particolarmente invadenti. Quanto alla piattaforma di Zuckerberg, è interessante l’estensione del pulsante all’Europa perché colma l’ultimo divario con gli Stati Uniti a livello di coinvolgimento degli utenti.

Le elezioni sono un argomento che può essere monitorato su Google Trend, grazie alla loro periodicità: Facebook riuscirà ad aumentare l’attenzione sul voto, in un Paese come l’Italia dove la situazione politica è confusa e l’elettore disamorato? Il social network non sarà determinante, però il ricorso al web – tanto per la propaganda, quanto per il commento – è aumentato. Il nuovo pulsante interessa soprattutto ai candidati, che comunque non avranno la possibilità di fare degli exit poll sull’uso degli utenti. Staremo a vedere.

photo credit: Niccolò Caranti via photopin cc