L’applicazione Facebook è finita, più volte, sotto la lente di ingrandimento per causare un eccessivo consumo della batteria degli smartphone. Secondo un recente report di The Guardian, questo consumo energetico può essere quantificato in una deciso calo dell’autonomia complessiva. Secondo il report infatti, rimuovendo l’app di Facebook ed accedendo al social network attraverso il browser consente di aumentare l’autonomia del 15% sui dispositivi iOS e addirittura del 20% sugli smartphone Android.

Trattasi di un risultato davvero notevole che riporta in auge le polemiche sugli eccessivi consumi energetici del client ufficiale del social network. Le prove sono state condotte per una settimana utilizzando un LG G4 ed un iPhone 6S in cui è stata rimossa l’app Facebook ma non quella dedicata a Messenger. L’accesso al social network è stato effettuato attraverso il browser di default dei due dispositivi.

Risultati analoghi, comunque, erano già stati segnalati da tempo dagli utenti. Molti infatti, proprio a causa degli eccessivi consumi, hanno preferito eliminare l’app ufficiale ed accedere solamente attraverso il web. Sollecitata dai risultati, Facebook ha risposto a The Guardian di stare valutando diverse soluzioni in merito anche se è molto probabile che per una completa risoluzione del problema ci sarà da aspettare ancora un bel po’.

Nel frattempo che il social network studia una soluzione convincente, il suggerimento può essere quello di ridurre la dipendenza dell’app dai servizi in background, disabilitando tutte quelle funzioni che possono consumare energia come la localizzazione e gli aggiornamenti in background.