Solo qualche giorno fa abbiamo affrontato una tematica che tutti gli utenti Facebook possessori di iPhone ed iPad avranno con ogni probabilità notato: l’applicazione omonima del social network su iOS consuma troppa batteria. Sono stati gli stessi utenti a segnalare il problema in massa, con l’app che a lungo ha consumato un’importante quantità di energia anche con il refresh in background disattivato. Sembrerebbe infatti che con iOS 9 l’applicazione Facebook sia riuscita in qualche modo ad aggirare proprio il blocco del sistema di refresh in background, così la stessa sarebbe stata in grado di svolgere attività anche quando non richiesto con lo scopo di ottenere un caricamento dei contenuti più rapido all’apertura dell’app.

Come riporta Engadget il social network ha di recente confermato il problema nel consumo di batteria, ed ha aggiornato l’applicazione, come affermato via Facebook dall’Engineering Manager Ari Grant introducendo già alcuni miglioramenti, in modo che gli utenti possano essere in grado di osservare subito i benefici ed un conseguente maggiore risparmio energetico.

https://www.facebook.com/arig/posts/10105815276466163

Il dirigente della piattaforma ha inoltre comunicato che sarebbero in fase di individuazione i fattori che hanno portato alla nascita della problematica, e che al momento sarebbero già due le cause trovate. La prima prende il nome di CPU spin, e consiste in un continuo utilizzo dell’app della CPU alla ricerca di query di rete senza mai ricevere risposta. L’altro problema invece sarebbe evidente nel momento in cui si visualizza un video prima di lasciare l’applicazione: in alcuni casi un errore porterebbe a restare aperta una sessione audio continuando ad elaborare dati in background nonostante nessun contenuto sia effettivamente in riproduzione.

Entrambi i problemi sembrerebbero ora essere risolti con l’aggiornamento odierno, mentre per ulteriori migliorie legate al consumo eccessivo di batteria dovrebbe essere necessario attendere ancora, visto che Facebook ha sinora mantenuto una frequenza di aggiornamento ogni due settimane.