Su Facebook non si va a caccia di notizie. Quasi otto utenti su dieci legge abitualmente news sul social più seguito al mondo, ma lo fa come attività collaterale allo svago.

Sembra strano, visto che Facebook è spesso stato tacciato di generare depressione. Ma gli utenti dello stesso, postano, leggono, chattano e mettono “like” cercando “leggerezza”.

A rivelarlo è un’indagine svolta dal Pew Research Center: solo il 16% degli interpellati va su questo social per informarsi. Eppure, più di nove utenti Facebook su dieci si informa soprattutto tramite la rete, e soprattutto usa supporti come pc, tablet, smartphone.

Un aspetto singolare, visto che la prima videata di Facebook si chiama proprio “notizie”, che possono essere lette, condivise, o anche cancellate.

In compenso, i pochi che si informano mediante Facebook, sono attivissimi sul social. Chi è solito condividere notizie ha cinque volte in più la possibilità di leggere un titolo di un’ultima ora condivisa e sei volte in più la possibilità di cliccare su “mi piace” rispetto al resto degli utenti.