Il social network più gettonato del mondo ha sofferto nell’ultimo periodo di un discredito dovuto alla scarsa tutela della privacy degli utenti. Per questo ha deciso di prendere delle contromisure.Essere attenti e protettivi nei confronti dei dati personali degli utenti di Facebook è l’obiettivo del social network che cerca di riscattarsi dall’immagine che si è costruita in rete.

Gli utenti, di contro, dichiarano la privacy in cima alla propria lista di preferenze nella navigazione.

Alcuni passi avanti sono stati fatti con l’introduzione di Trusted Friend e App Password. La prima è una funzione che permette di tutelarsi dal blocco dell’account per l’accesso a Facebook.

In pratica l’utente, soprattutto quello che va sul suo profilo tramite cellulare, può indicare da tre a cinque persone che, in caso di blocco, ricevono il codice per sbloccare l’account.

App Password, invece, è un’opzione per impostare delle password speciali per ogni applicazione Facebook che si usa.

Qual è l’obiettivo dello strumento? Fare in modo che se anche un malintenzionato entra nel nostro profilo, non può usare le applicazioni se non conosce le altre password. Per esempio quella per giocare con FarmVille, ma non solo.

Un rinnovamento che s’inserisce nel solco della rivoluzione portata con la Timeline, presto a disposizione di tutti gli utenti.