Sono passati parecchi mesi da quando, a maggio 2015, Facebook ha lanciato su iPhone gli Instant Articles, speciali articoli caratterizzati dal caricamento rapito e dalla presenza di contenuti multimediali quali immagini in alta definizione, video e mappe. Tali post sono realizzati da testate scelte dal social network, e di recente sono stati introdotti anche in Italia da diverse testate dopo mesi di adozione negli Stati Uniti, permettendo anche ai siti italiani (non tutti ovviamente) di ospitare le proprie storie direttamente su Facebook rendendo il caricamento più veloce e la lettura più dinamica, ed allo stesso tempo al social network di tenere gli utenti al proprio interno invece di allontanarsi per la ricerca delle notizie.

Come riporta The Verge, grazie alla feature Articoli Istantanei si è praticamente cancellato il tempo tra l’intercettazione durante lo scorrimento sul proprio News Feed ed il caricamento della stessa. Da ottobre la funzionalità è stata in fase di beta testing su sistema operativo Android, e finora sono stati oltre 350 gli editori che vi hanno preso parte, creando articoli che su Facebook sono contrassegnati dall’icona a forma di fulmine in alto a destra. Ora secondo quanto si apprende dal sito statunitense, la feature è in distribuzione su Android, consentendo la visualizzazione non più in maniera esclusiva per gli utenti di iPhone.

Come spiegato anche da Luca Colombo, Country Manager di Facebook in Italia, in un’intervista di Silvio De Rossi per Leonardo.it, lo scopo degli Articoli Istantanei è distribuire e fruire delle news in modo veloce e interattivo, ma ci sono margini di guadagno anche per l’editoria, dal momento che i publishers possono consentire al social network di posizionare annunci pubblicitari all’interno degli articoli condividendo i ricavi oppure vendere gli annunci direttamente per non avere da spartire con Facebook.