Ancora grane per Facebook che sembrerebbe essersi intrufolato nei messaggi privati degli utenti per aumentare i like alle pagine web veicolate dai link scambiati sul social network. Un po’ complicato da capire? Ecco una spiegazione. In questi giorni, in rete, non si parla d’altro che del baco che coinvolgerebbe Facebook dove gli utenti che si scambiano link nei messaggi, potrebbero essere oggetto di una violazione della privacy.

Youtube ha immediatamente rimosso questa possibilità, appellandosi alla violazione delle policy sui contenuti NSFW, ma non ha fatto altrettanto Vimeo e quindi un po’ di panico tra gli utenti di Facebook è rimasto.

In pratica l’accusa al social network è quella d’intrufolarsi nei messaggi che si scambiano gli utenti per far sì che anche i “mi piace” ad una pagina aumentino in modo “strano” e comunque non regolare. A notare questo baco è stato un esperto di sicurezza informatico Ashkan Soltani che ha spiegato che inviando un messaggio con un link al sito di un fotografo, ad un altro contatto Facebook, sono immediatamente cresciuti di due unità anche i like alla pagina.

Per ogni link scambiato, quindi c’è un aumento di due mi piace sulla pagina. Sono state fatte numerose prove per confermare l’ipotesi e non sembra che ci siano più dubbi.