Capita spesso di voler fare “pulizia” di amicizie su Facebook. Spesso capita di non voler aver più notizie (e di non darne di se stessi) al proprio ex, all’amico con cui si è litigato, alla persona che ci sta antipatica o a quella che si è persa di vista. In realtà però, se una persona vuole, può ancora continuare a vedere cose del nostro profilo anche se cancellata.

Facebook annuncia novità in tema di privacy un giorno sì e l’altro pure, ma intanto ci sono aspetti che, anche per chi come me non tiene il proprio profilo di “Faccialibro” pieno di lucchetti, lasciano un po’ sgomenti. Volete sapere se qualcuno vi sta cancellando dall’agorà di Zauckerberg? A meno che non controlliate la lista amici 7 volte al giorno, magari non ve ne accorgete. Eppure in Rete ci sono script come Unfriend Finder, che vi permettono di seguire con precisione il via vai dei vostri contatti, di chi disattiva l’account, di chi vi elimina o delle richieste di amicizia che avete in sospeso, sia quelle mandate che quelle ricevute. Sono strumenti che funzionano a seconda del motore di ricerca, ma basta avere Chrome o Safari che funzionano con precisione.

Senza contare che, da quando Facebook ha inserito il “diario”, le nostre timeline restano comunque rintracciabili in Rete. La scorsa primavera è stato eliminato dai “diari” il registro attività, però bisogna essere consapevoli che quando si cancella una persona, il giorno in cui la si cancella davvero proibendole l’accesso al nostro vissuto, è ancora lontano dall’arrivare.