Sono depresso. Lo ammetto, ho appena usato Facebook. Secondo alcuni arguti ricercatori dell’università del Michigan, di cui ha parlato ieri nientepocodimeno che il TG5, il social network produce depressione. Come non dargli torto? Facebook è pieno di persone depresse e noiose che sfruttano il network per distribuire il loro pessimismo. Che giornata di m…., f…..o qui f…..o là, lamentele sul capo, la moglie, gli amici, la politica etc etc. Sfido a non farti venire la depressione così! Dai, non diciamo idiozie, non è l’uso di Facebook che ti fa venire la depressione, è la contaminazione di persone negative che ti deprime! Sorvolando sulla bontà della ricerca presa in considerazione (82 persone interrogate cinque volte al giorno sulla propria felicità e l’uso di Facebook, secondo riassunto de l’Eco del Ticino), e concentriamoci sui rimedi. Infatti, per fortuna una soluzione c’è, basta usare Facebook nel modo giusto.

Aprite Faccialibro in una nuova scheda del vostro browser. Appena sotto il form per aggiornare il vostro stato c’è la parola ordina. Scegliete notizie principali, così già automaticamente le fregnacce degli amici sfigati verranno più o meno escluse da vostro news feed.

Ora sfogliate per cinque minuti le notizie che Facebook vi propone. Quando ne trovate una negativa, in grado di farvi deprimere, cliccate in alto a destra sulla freccetta e scegliete non desidero vedere questo contenuto.

Una volta nascosto un post vi troverete di fronte alla nuova funzione filtro di Facebook, la cosa più vicina al bottone non mi piace. Da qualche giorno potete indicare perché non volete vedere quel contenuto. Avete tre opzioni:

  • Mi dà fastidio o non è interessante;
  • Non credo che debba essere su Facebook;
  • È spam.

In tutti i casi Facebook ne terrà conto e cercherà di diminuire quel tipo di post all’interno del vostro feed.

Tenete conto delle persone che postano cose che via annoiano. Al terzo post negativo che incontrate, andateci pesante. Avete tre possibilità: la prima è utilizzare lo strumento di cui sopra, optando per nascondi tutti i posti di Tizio. La seconda è togliergli l’amicizia. La terza è bloccare l’utente molesto seguendo le indicazioni che vi abbiamo fornito in precedenza. A che vi serve infatti circondarvi di persone negative? Solo ad aumentare la vostra depressione.

Per dovere di cronaca, notiamo che la depressione da Facebook si ripete più o meno ciclicamente, come conferma un articolo a tema del Corriere della sera di un paio di anni fa.