Facebook ha sviluppato una nuova intelligenza artificiale in grado di comprendere cosa gli utenti stanno scrivendo all’interno dei loro messaggi. DeepText, questo il nome dell’IA, sarebbe in grado di comprendere e di riconoscere il linguaggio di 20 lingue diverse, migliaia di volte al secondo. Facebook, all’interno di un post sul suo blog ufficiale, ha spiegato i dettagli del funzionamento dell’intelligenza artificiale ed i suoi utilizzi futuri.

In sintesi, DeepText sarà utilizzato da Facebook per comprendere meglio le necessità e le abitudini degli iscritti per offrire loro suggerimenti maggiormente personalizzati. Per esempio, se un utente sta scrivendo commenti riguardanti la necessità di trovare una pizzeria, Facebook potrà suggerire tutti i migliori ristoranti che cucinano pizze nei dintorni dell’utente. Gli ulteriori utilizzi sono ancora più vasti e DeepText potrà, infatti, essere attivamente utilizzato dal social network anche per scovare lo spam e tutti quei messaggi offensivi che possono essere scritti dagli utenti.

DeepText si trova, oggi, all’inizio della sua evoluzione. In questa prima fase della sua vita sarà in grado di capire il contesto del messaggio. Tuttavia, mano a mano che analizzerà i messaggi degli iscritti, questa intelligenza artificiale affinerà le sue conoscenze sino ad essere in grado di comprendere davvero ogni dettaglio delle frasi.

Come tutte le intelligenze artificiali, infatti, anche DeepText affina i suoi algoritmi imparando direttamente dai dati analizzati. Con il passare del tempo, dunque, saranno gli utenti di Facebook che “alleneranno” le capacità dell’intelligenza artificiale.

Trattasi, in definitiva, di un progetto affascinante con ampie prospettive per il futuro. L’obiettivo di Facebook rimarrà, comunque, sempre quello di comprendere meglio le singole persone, i luoghi e gli eventi per offrire suggerimenti ancora più personalizzati ai suoi iscritti.