Facebook è il social network più popolato al mondo, ed inevitabilmente è quindi anche quello dove circolano più bufale, e dove queste vengono prese sul serio da utenti che non conoscono proprio alla perfezione le norme sulla privacy. “Tutto quello che avete postato diventa pubblico da domani” è l’inizio dell’ultimo post di questo tipo, che già da qualche giorno gira su Facebook nelle bacheche degli utenti, che lo postano con la convinzione di essere così al sicuro da un non ben definito cambiamento nel regolamento della piattaforma che renderà pubblici “da domani” tutti i contenuti pubblicati, anche le “foto non autorizzate” ed i messaggi cancellati. Di seguito il testo completo della bufala virale che ripetiamo essere completamente fasulla.

“Scadenza domani!!!
Tutto quello che avete postato diventa pubblico da domani. Anche i messaggi che sono stati eliminati o le foto non autorizzate. Non costa nulla per un semplice copia e incolla, meglio prevenire che curare. Canale 13 ha parlato del cambiamento nella normativa sulla privacy di Facebook.
Io non do facebook o qualsiasi entità associata a facebook il permesso di usare le mie immagini, informazioni, i messaggi o i post, passato e futuro. Con questa dichiarazione, do avviso a Facebook che è severamente vietato divulgare, copiare, distribuire, trasmettere o prendere qualsiasi altra azione contro di me sulla base di questo profilo e / o il suo contenuto. Il contenuto di questo profilo è privato e le informazioni riservate. La violazione della privacy può essere punita dalla legge (UCC 1-308-1 1 308-103 e lo statuto di Roma). Nota: Facebook è ora un’entità pubblica. Tutti i membri devono pubblicare una nota come questa. Se preferisci, puoi copiare e incollare questa versione. Se non pubblichi una dichiarazione almeno una volta, Sara ‘ tatticamente permettendo l’uso delle tue foto, così come le informazioni contenute negli aggiornamenti di stato di profilo. Non condivido. Copia e incolla per stare sul sicuro.”

Possiamo rassicurare gli utenti: Facebook non ha modificato niente, nessuno dei nostri contenuti diventerà pubblico da un momento all’altro (almeno non per ora, ndr), ma soprattutto una dichiarazione con un post sulla propria bacheca non ha alcun senso né effetto nel modificare il rapporto dell’utente con Facebook. Il copia-incolla non serve a nulla, se non a creare allarmismo nella community e ad alimentare la paura senza motivo con post virali di questo tipo. Certo la cosa ideale da fare sarebbe almeno informarsi (quale luogo migliore della rete) su ciò che si legge prima di pubblicare un simile messaggio sulla propria Timeline, perché diciamocelo, nonostante si possa pensare che “mal che vada non cambia niente”, pubblicare questo tipo di contenuti fa capire quanti utenti siano in rete senza conoscere la piattaforma che li ospita.