Ognuno ha le proprie abitudini, parlando di applicazioni web: Marco Usai ha tessuto le lodi di Pocket, approdata su Windows e Chrome OS. Io preferisco Evernote, che – oltre alla lettura dei contenuti memorizzati – propone una serie di funzionalità utili alle operazione più disparate. Nella circostanza, però, il paragone con Pocket è inevitabile perché Web Clipper ha subito un restyling che avvicina la versione per Chrome alla popolare app di iOS e Android. Ha una barra laterale, integrata al browser, per gestire le annotazioni.

Al solito, la “contaminazione” è reciproca. Pocket è un bell’esempio quanto alle possibilità delle applicazioni web di Chrome su Windows 8 e 8.1, cui Evernote dedica due app distinte — a seconda dell’interfaccia del sistema operativo. Web Clipper è un’estensione del browser, quindi può essere installata pure su Mac OS X o Linux e aggiunge le caratteristiche di Skitch per evidenziare i punti più importanti sulle note ritagliate. Quale scegliere? Lo ribadisco, è tutta una questione di abitudini ed esigenze. Io preferisco Evernote.

Le novità non sono finite, perché arriverà presto una versione modificata di Chrome con tutte le feature di Evernote integrate: un progetto simile a quello per la realizzazione di device. Non è chiaro quali sistemi operativi saranno supportati – dubito, ahimè, che possa arrivare su Linux – però è interessante valutare la “crescita” esponenziale di Evernote, che non esiterei a definire una delle app più riuscite degli ultimi anni. Per me Web Clipper è diventato uno strumento indispensabile, nonché l’unica estensione del browser.