Da qualche giorno sto utilizzando la beta di Evernote 5 per Mac, mentre per iOS Evernote 5 è già stata rilasciata. Installarla è semplicissimo e dal mio punto di vista consigliatissimo. I vantaggi sono pochi, ma convincenti. Per passare alla beta è sufficiente abilitare nelle preferenze alla voce software update l’aggiornamento alle versioni beta.

La prima cosa che cambia è la grafica. Giusto un po’ più cool, ma gli screenshot non le rendono giustizia. La cosa più interessante è il menu della sidebar, completamente rinnovato.

In questo troviamo gli shortcut che funzionano come quelli di Finder: potete mettere qui una singola nota, un taccuino o una cartella. Sotto agli shortcut ci sono collegamenti alle note inserite o modificare più di recente. Poi viene il menu di navigazione con tutte le note, taccuini, tag, Trunk e Atlas, una nuova funzione che indica dove sono state create le note su di una mappa. Vabbe’ a questa cosa non trovo un’utilità.

Molto funzionale è invece il nuovo bottone per creare una nuova nota che consente di crearla direttamente all’interno del taccuino scelto. Infine Evernote 5 integra le notifiche in Mountain Lion, così quando qualcuno edita una nota o crea una nota via mail vi compare la notifica anche se non state usando il programma. Allo stesso modo con un click destro sul singolo notebook puoi condividerlo con chi vuoi (è infatti sparita la sezione share dei taccuini).

Altre cose che mi piacciano: la ricerca avanza fra le note, utile per chi ne ha diverse, e le opzioni per spostare in blocco note da un taccuino all’altro.

Di trucchi e consigli per Evernote abbiamo già parlato in un altro post a cui vi rimando.