I cinesi, alle ultime olimpiadi, hanno dimostrato che impegnandosi in un settore riescono facilmente a diventare un punto di riferimento. Sport a parte c’è un progetto di e-commerce, in Cina, che sta facendo il giro del mondo. Di che si tratta?Rendere il business più snello e – al tempo stesso – far sì che cresca il numero degli operatori. Sono queste le intenzioni dell’e-commerce cinese che, soltanto a livello teorico, ricalca i canoni nazionali e diventa un bacino di opportunità senza paragoni.

La Cina è cambiata molto negli ultimi anni ed ha deciso di progredire anche sul fronte tecnologico favorendo l’e-commerce e cercando di affermarsi anche in questo settore. Oggi, alla luce di un report elaborato dalla società di consulenza A.T. Kearney, “Online Retail: The New Frontier for International Expansion“, sembra che l’obiettivo sia stato raggiunto.

La Cina, infatti, vuoi per i potenziali utenti della rete, vuoi per il progresso tecnologico che ha conosciuto, è stata inserita tra i dieci paesi che nel mondo hanno il maggior numero di possibilità di crescere nel settore dell’e-commerce.

La Cina, in questo ambito, è prima anche rispetto a Brasile, Russia, Cile e Messico. In previsione, infatti, già l’Economist nel 2011, aveva spiegato che ci sono almeno 30 milioni di cinesi pronti ad effettuare un acquisto online.