Alla Build Conference, conferenza dedicata agli sviluppatori andata in scena ieri sera a San Francisco, Microsoft ha annunciato il vero nome di Project Spartan – il browser che manderà in pensione Internet Explorer con Windows 10 – che d’ora in avanti si chiamerà Edge. A farlo sapere è Joe Belfiore, vice presidente Microsoft per i sistemi operativi, il quale ha anche aggiunto che Edge sarà compatibile con le estensioni per Chrome e Firefox (anche se non si sa quando questo sarà possibile).

Edge sarà il nuovo browser predefinito per Windows 10 su tutti i dispositivi: PC, tablet, smartphone, e offre agli utenti novità come la possibilità di prendere appunti direttamente sulle pagine web, una lettura più concentrata e pulita e l’integrazione dell’assistente virtuale Cortana. Gli sviluppatori che attualmente lavorano con Chrome o Firefox, apportando alcune modifiche, potranno trasferire le loro estensioni su Microsoft Edge senza problemi. Microsoft lo ha dimostrato sul palco della conferenza Build mostrando l’add-on Big Translator, estensione capace di tradurre automaticamente i siti web, utile per rendere la lettura accessibile anche su pagine straniere.

Per poter provare le estensioni sul successore di Internet Explorer bisognerà però attendere che Microsoft rilasci la versione RTM, che sarà disponibile probabilmente per l’estate prossima. I membri facenti parte del programma Windows Insider riceveranno la versione RTM prima degli altri utenti, ma ovviamente non si tratterà di quella definitiva visto che il browser Edge ufficiale verrà rilasciato insieme a Windows 10, verso il prossimo autunno.