Per la prima volta in assoluto, sul palcoscenico dell’E3 di Los Angeles (in programma dal 16 al 18 giugno) sono saliti anche i ragazzi di Bethesda, che hanno ufficialmente aperto le danze della kermesse videoludica losangelina mostrando al mondo intero cosa hanno in serbo per i loro fan: dal nuovo Doom a Fallout  4, il cui trailer d’annuncio è già stato mostrato nei giorni scorsi.

DOOM
Bethesda ha voluto cominciare con Doom. Lo sparatutto per antonomasia è stato presentato da Marty Stratton di id Software, il quale ha illustrato tutte le caratteristiche tradizionali della serie che, ovviamente, i giocatori potranno ritrovare anche all’interno del nuovo capitolo. Un video gameplay (visionabile sotto) ha messo in mostra le meccaniche splatter e frenetiche tipiche della serie, un impianto grafico di primo piano e un’ottima simulazione della fisica, che permette al giocatore di interagire con l’ambiente ed assistere ad esplosioni davvero spettacolari.

id Software ha dato poi alcune informazioni anche per quel che riguarda il multiplayer: super veloce, condito dai soliti power-up e caratterizzato dalla tradizionali logiche da “arena shooter”. Interessante l’introduzione del Doom Snapmap, uno strumento che permette di personalizzare il gameplay e arene e condividere il tutto con la comunità. Il gioco sarà disponibile sugli scaffali dei negozi nella primavera del 2016.

DISHONORED 2
Arriva poi il turno di un altro peso massimo del publisher americano: Dishonored, il cui secondo capitolo era già stato preannunciato da un leak poco prima. Attraverso un trailer viene data dunque la conferma ufficiale: ecco Dishonored 2. Il focus della presentazione è sulla nuova protagonista dello stealth game, che disporrà di gadget e armi inedite e sembra essere ancora più letale del precedente assassino. Bethesda annuncia anche l’arrivo, in inverno, della Dishonored Definitive Edition, al cui interno si troveranno tutti i DLC rilasciati finora oltre a un miglioramento grafico.

THE ELDER SCROLLS
Bethesda spende qualche parola anche per il brand The Elder Scrolls. Niente sequel di Skyrim, s’intende. Il producer punta però molto sulla versione online del gioco e annuncia che il team di sviluppo sta lavorando alacremente per realizzare nuove ed estese location nonché migliorare qualità e numero delle missioni. Annunciato The Elder Scrolls Legends, gioco di carte digitale rivolto all’utenza PC, tablet e mobile con formula free to play.

FALLOUT 4
Non è ancora finita. La conferenza si chiude con la ciliegi(ona) sulla torta: ovviamente stiamo parlando di Fallout 4. A salire sul palco è Todd Howard di Bethesda Studio, che si prende l’onore/onere di mostrare agli eccitatissimi fan il nuovo capitolo dell’open world post-apocalittico. Nelle battute iniziali, il giocatore potrà scegliere fra alter ego maschio o femmina. Per quanto riguarda la trama, l’atmosfera pare del tutto immutata: ambientazione post-apocalittica in cui l’umanità deve cercare di sopravvivere a 200 anni di distanza dalla catastrofe nucleare.

Ancora in linea con il terzo capitolo anche il combat system, che sarà quindi in tempo reale con la possibilità di attivare il VAT (meccaniche che permette di mettere in pausa per colpire punti specifici/arti del nemico). Durante l’avventura, fuori dal Vault, il giocatore sarà accompagnato da un compagno a 4 zampe a cui si potranno impartire ordini similmente a quanto visto in Call of Duty: Ghosts

Interessante il sistema di costruzione di Fallout 4, che permette al giocatore di realizzare una smisurata quantità di edifici. Potenzialmente enorme anche il crafting, capace di offrire una quantità di armi e armature infinita: esistono 50 armi base e ben 700 modifiche possibili. Fallout 4 raggiungerà gli scaffali dei negozi il 10 novembre 2015.