Siete pronti ad archiviare la vostra musica nel cloud per sentirla come e quando volete? Potete già farlo con iTunes Match e Google Music, ma questi strumenti hanno ognuno il proprio limite. Per quanto riguarda il primo funziona solo all’interno del giardino della mela e costa 25 dollari all’anno, mentre il secondo è un prodotto gratuito fino a 20.000 canzoni e poi diventa a pagamento e ha un’app nativa solo per Android. Ora invece Dropbox potrebbe offrire lo stesso servizio con il vantaggio però di essere multi-piattaforma.

Oggi infatti è arrivato l’annuncio che Dropbox ha acquisito Audiogalaxy, una startup che offre la possibilità di ascoltare la propria musica in streaming dal proprio computer via browser, iPhone, iPad, o Android. Audiogalaxy permette di archiviare fino a 200 mila canzoni, è gratuito e non prevede pubblicità. Il servizio non accetta più nuovi utenti, mentre continua a funzionare per chi l’aveva già aperto. C’è anche un altro servizio distribuito da Audiogalaxy che consiste nel mix di canzoni a partire da canzoni scelte, una specie di radio fruibile via cloud.

Avevo parlato di Dropbox ieri in un post di consigli per vivere nel cloud. Il servizio, che conta oltre 100 milioni di utenti, è stato recentemente localizzato in italiano. E proprio nelle ultime settimana Dropbox si è dimostrato più attivo che mai, aprendo una sede a Dublino e lanciando la sincronizzazione automatica delle foto. Uno dei modi in cui più è usato è per esempio il backup delle foto postate su Instagram. E il modo in cui Dropbox mostra le foto organizzate in cartelle permette per esempio di caricare le foto del matrimonio e condividerle tutte con gli amici tramite un semplice link.

Dunque, ho scritto che Dropbox equivale di fatto alla cartella Documenti nel cloud. Se all’interno di questa cartella avessimo anche la libreria di iTunes, le nostre foto e le nostre canzoni, salvate lì con il vantaggio che se anche dovessimo cambiare device non avremmo alcun problema di spostarle, non sarebbe un motivo in più per avere Dropbox? Già ora in teoria possiamo farlo, con l’unico limite che non è possibile fare lo streaming via Dropbox. Cosa che invece potrebbe essere presto realtà. Ci sono naturali sinergie fra i talenti del nostro team e la mission di Dropbox ha spiegato il CEO di Audiogalaxy Michael Merhej a GigaOm.

L’account di base di Dropbox è gratuito e consente di avere 2GB di spazio free. Per averne di più non dovete far altro che invitare i vostri amici a usare il sito. Per ogni amico avrete 500MB gratis di spazio in più. Quindi se volete farmi felice iscrivetevi ora.

photo credit: ecstaticist via photopin cc