Dribbble è una piattaforma professionale, dedicata ai designer, grazie alla quale mostrare delle anteprime dei propri lavori e trovare un’occupazione presso una delle tante aziende che la utilizzano per scoprire nuovi talenti o assumere dei freelance. L’iscrizione è gratuita e senza limiti particolari, ma occorre ottenere un invito per iniziare la pubblicazione dei prototipi: non è sufficiente completare il modulo di registrazione e persino sottoscrivendo un profilo a pagamento bisogna essere raccomandati da un altro designer.

Questa modalità sui generis permette il mantenimento d’un livello di qualità elevato, una caratteristica che attira su Dribbble i responsabili delle assunzioni per Facebook, Google, Microsoft e altre multinazionali oltre ai dipendenti delle startup di successo. Gli iscritti sono suddivisi in tre livelli:

  • Player
  • Rookie
  • Prospect

Con la registrazione è possibile sottoporre la propria candidatura come Prospect, ovvero il primo livello per l’accesso alla piattaforma. La popolarità acquisita consente di raggiungere i livelli più alti.

Possono iscriversi a Dribbble gli Scout: quanti fossero incaricati di valutare i lavori e assumere i designer per un progetto. In questa circostanza, la registrazione prevede una formula differente che non ammette l’invio di prototipi o miniature dei prodotti realizzati. Parliamo soltanto di pixel perché le immagini pubblicabili non possono riguardare l’architettura, il design d’interni o comunque le opere non digitalizzate e non sono ammessi i fotografi a prescindere dal formato degli scatti. Una comunità esclusiva per il web.