Kim Dotcom, il padre del famoso sito di file hosting Megaupload (chiuso nel 2012), ha annunciato il lancio di MegaChat, un nuovo servizio di chat, chiamate e trasferimento file criptato per la totale sicurezza dei suoi utenti.

La chat verrà lanciata a breve e tutte le conversazioni che avverranno al suo interno non potranno essere intercettate da nessun ente governativo. Dopo che gli americani hanno scoperto di essere tutti esposti all’occhio dell’NSA (l’agenzia americana per la sicurezza nazionale utilizza un sistema di intercettazione per spiare tutte le comunicazioni sul web), la proposta di Kim Dotcom potrebbe davvero calzare a pennello e fare contenti molti cittadini preoccupati che la loro privacy venga costantemente violata.

Il padre di Megaupload lancia diverse frecciate tramite il suo profilo Twitter. Il primo bersaglio della sua personale sfida è Skype, diretto rivale di casa Microsoft, scrivendo sul social network: “Si tratta di un sistema via browser che includerà anche chiamate video e il trasferimento di file ad alta velocità. Bye Bye Skype.

Poi Dotcom alza la posta e punta il dito contro NSA e, sempre sul tema della privacy, se ne esce con una idea molto controversa ma che fa sicuramente riflettere: “Che ne pensereste – afferma Dotcom – di una community di controspionaggio che spii funzionari governativi che minano i nostri diritti?”.